Giacomo Villano

  • In Italia, e in particolare in alcune regioni del Nord, abbiamo un tessuto industriale di primissimo livello. La nostra Emilia Romagna è una delle aree maggiormente industrializzate in Europa, famosa in tutto il mondo per le numerose eccellenze e la radicata cultura del lavoro.
    Terra abitata da gente intraprendente, ingegnosa, coraggiosa, gioviale, generosa e, tendenzialmente, onesta e rispettosa.
    Ma, nel mercato globalizzato, le nostre aziende devono confrontarsi con oggettivi svantaggi competitivi, non a esse riconducibili, rispetto alla maggior parte dei concorrenti esteri.

  • Il presidente dell’ACIMAC, Paolo Sassi, nell’intervista pubblicata in questo numero, definisce il distretto industriale della ceramica di Sassuolo “una comunità scientifica e tecnologica, oltre che un polo produttivo di riferimento mondiale”. Qual è stato e qual è tuttora l’apporto di M.D. Micro Detectors allo sviluppo di questo distretto?

  • Quando viaggiamo su un aeroplano Airbus, non dimentichiamo che i circuiti stampati utilizzati dal noto colosso francese sono forniti anche da Techci Rhône- Alpes, azienda del Gruppo Finmasi.
    Quando ammiriamo le splendide superfici e i più eleganti rivestimenti interni ed esterni “made in Sassuolo”, che rendono moderni e all’avanguardia palazzi, case, piazze, aeroporti e centri commerciali di vari paesi, forse non sappiamo che i sensori installati nelle fabbriche del comprensorio ceramico più importante al mondo sono forniti anche da M.D. Micro Detectors, società del Gruppo