Warning: INSERT command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'watchdog' query: INSERT INTO watchdog (uid, type, message, variables, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '%message in %file on line %line.', 'a:4:{s:6:\"%error\";s:14:\"strict warning\";s:8:\"%message\";s:102:\"Declaration of views_plugin_style_default::options() should be compatible with views_object::options()\";s:5:\"%file\";s:85:\"D:\\inetpub\\webs\\lacittaonlinecom\\modules\\views\\plugins\\views_plugin_style_default.inc\";s:5:\"%line\";i:24;}', 3, '', 'http://www.lacittaonline.com/index.php?q=node/2188', '', '3.229.117.123', 1660024092) in D:\inetpub\webs\lacittaonlinecom\includes\database.mysqli.inc on line 134
L’IMPRESA, IL RISPARMIO E LA FISCALITÀ | La città del secondo rinascimento

L’IMPRESA, IL RISPARMIO E LA FISCALITÀ

Immagine: 
Qualifiche dell'autore: 
economista, già professore ordinario di economia a Parigi e consulente del FMI

Un’impresa può essere definita come un insieme di contratti tra i proprietari-titolari della stessa, da una parte, e i dipendenti, i fornitori, i clienti e i creditori, dall’altra. Secondo questa impostazione non dovremmo dire che un’impresa prende una decisione: sono solo gli individui che possono pensare, agire e decidere, a seconda del loro contratto. Questa natura contrattuale di un’impresa è un elemento importante per intendere il funzionamento delle imprese e della politica: a torto presentiamo le imprese come organizzazioni di tipo gerarchico i cui dipendenti dovrebbero essere alla mercé dei capitalisti.
La gerarchia esiste nell’esercito, ma non in un’impresa, che è costituita da contratti siglati liberamente tra le parti sociali. Per questo, l’idea d’ispirazione marxista di uno sfruttamento dei dipendenti da parte degli imprenditori può essere criticata: le relazioni industriali dipendono dalla libera firma di contratti tra imprenditore e dipendente.
A partire da queste considerazioni possiamo intendere quale sia effettivamente il ruolo della fiscalità. Spesso si contrappongono le imposte versate dalle imprese a quelle versate, per esempio, dalle famiglie, ma in realtà potremmo dire che l’impresa non paga le imposte. Può sembrare sorprendente, ma è una conseguenza logica di quanto precisato sulla natura dell’impresa: un’impresa non pensa, non agisce, non decide. Da un punto di vista puramente amministrativo, viene richiesto all’impresa di versare un’imposta sui redditi d’impresa, ma dobbiamo chiederci quali sono gli individui all’interno di un’impresa che effettivamente supportano il carico fiscale. Facciamo un primo esempio: immaginiamo che un imprenditore sia disposto a pagare un salario di un certo tipo ai propri dipendenti, tenendo conto di una produzione, delle tecniche e del prezzo di vendita dei prodotti. Immaginiamo adesso che lo stato imponga una nuova tassa a carico di un’impresa: poiché l’imprenditore ha già firmato un contratto a carattere certo che stabilisce un salario, è lui che dovrà farsi integralmente carico della nuova pressione fiscale o di trovare delle alternative, che però non potranno avere effetti immediati. Ci sono molti esempi di una situazione di questo tipo: per esempio, in Italia, come in Francia, esistono i contributi sociali che vengono versati dalle imprese e spesso si fa una distinzione tra i contributi salariali e i contributi datoriali, di natura previdenziale. Ma è una distinzione assurda: qualsiasi contributo rappresenta un aumento del costo del lavoro e questo aumento probabilmente è distribuito tra dipendenti e imprenditori, ma con proporzioni che noi non possiamo conoscere. Infatti, noi non sappiamo quale sarebbe il salario senza eventuali contributi.
Un altro esempio: l’imposta sul valore aggiunto (IVA). In generale si ritiene che l’IVA sia un’imposta sul consumo, ma non è così. Infatti, quando l’IVA aumenta risulta un peso fiscale sostenuto dagli imprenditori, proprio perché i contratti con i dipendenti sono già stati stabiliti. Evidentemente, in seguito, in un secondo momento, l’imprenditore cercherà di redistribuire il carico fiscale verso altri individui, in particolare verso i dipendenti. Possiamo dire che l’IVA sia pagata in parte dagli imprenditori e in parte dai dipendenti, ma le proporzioni non possiamo conoscerle.
Ora, le imposte versate dalle imprese hanno due grandi difetti: innanzitutto non sono trasparenti; noi non possiamo conoscere quale sia l’effettiva pressione fiscale che viene ripartita tra imprenditore e dipendente. Infatti, gli individui non possono conoscere a priori il peso della fiscalità e questo diminuisce lo stimolo a lottare contro una fiscalità troppo opprimente.
Inoltre, l’aumento del tasso di imposta versata da un’impresa o la creazione di una nuova imposta riduce i profitti durante un certo periodo di tempo e questo disincentiva le attività imprenditoriali (ovviamente, se c’è una diminuzione di queste stesse imposte, a breve termine, questo aumenterà il profitto, ma questa situazione è più rara ai giorni nostri rispetto all’aumento delle imposte).
Un altro difetto è la variabilità della fiscalità che è difficile da prevedere, quindi aumenta le incertezze: il ruolo dell’imprenditore è assumere dei rischi, ma occorre che si tratti di rischi inerenti la produzione, non di rischi derivanti dagli imprevisti della pressione fiscale.
Altro grande problema introdotto dalla fiscalità è che trasforma gli imprenditori in agenti del fisco, imponendo obblighi di riscossione che non hanno alcuna utilità dal punto di vista produttivo. Questi svantaggi non esistono con le imposte sul reddito, ma dobbiamo comunque riconoscere che anche l’imposta sul reddito presenta un difetto molto grave: poiché permette alle autorità politiche di adottare i prelievi fiscali secondo le caratteristiche dei contribuenti, la progressività dell’imposta sul reddito induce grandi ingiustizie, punendo in particolare coloro che sono più innovatori e più efficaci. E questo è deleterio per tutti: se la progressività disincentiva, per esempio, gli imprenditori più efficaci e più dotati, diminuisce anche le attività produttive e quindi anche i dipendenti avranno meno disponibilità, meno incentivi a migliorare le proprie condizioni salariali.
Parliamo ora di fiscalità e risparmio.
La teoria keynesiana ha diffuso l’idea che sia necessario aumentare il consumo dell’individuo per ridurre il risparmio e quindi aumentare la domanda globale. È un’idea completamente falsa, perché l’attività produttiva non dipende assolutamente dalla domanda, ma dagli incentivi alla produzione. Peraltro, il risparmio non rappresenta una diminuzione della domanda; in realtà si sostituisce una domanda di beni di investimento a una domanda di beni di consumo.
Bisogna sottolineare che non esiste una crescita economica senza accumulo di capitale e senza risparmio.
Il risparmio permette di reintrodurre risorse all’interno dei circoli produttivi per aumentare le produzioni future.
Spesso la fiscalità distrugge l’incentivo al risparmio, com’è evidente in particolare per le imposte sul capitale e per i diritti di successione, e per le imposte sul capitale.
Il risparmio viene tassato eccessivamente, come nel caso dell’imposta sul reddito. Se un individuo consuma tutto il reddito che gli resta dopo aver pagato le tasse sul reddito, la materia fiscale sparisce perché il consumo è un atto di distruzione delle risorse.
Ma se risparmia una parte del suo reddito, i rendimenti futuri saranno di nuovo colpiti dall’imposta sul reddito, che dunque scoraggia il risparmio e l’accumulo di capitale. Per questo, io propongo l’adozione di un’imposta sulla spesa globale, per permettere ai contribuenti di dedurre i loro risparmi dall’imponibile Scoraggiando il risparmio, la fiscalità riduce in particolare il patrimonio netto e i mezzi propri dell’impresa, cioè i diritti di proprietà sulle imprese, che giocano un ruolo importante nelle decisioni dell’imprenditore. Poiché la fiscalità diminuisce l’accumulo di capitali, e quindi la crescita, si è tentato di ricorrere a surrogati, per esempio ai prestiti di origine monetaria. Ai nostri giorni la creazione monetaria avviene grazie della distribuzione di prestiti dalle banche, che li favoriscono con tassi molto bassi, scoraggiando in tal modo il risparmio e creando distorsioni tra consumo e risparmio nelle strutture produttive. Lo dimostra perfettamente la teoria austriaca del ciclo economico sviluppata inizialmente da Ludwig von Mises e da Friedrich von Hayek, che spiega anche la crisi, relativamente recente, del 2008. L’abbassamento dei tassi d’interesse nel 2008 aveva incentivato investimenti produttivi e immobiliari che però non corrispondevano alle esigenze degli individui.
Il tasso d’interesse può essere considerato come “il prezzo del tempo”, il prezzo che determina la scelta tra il presente e il futuro, ovvero l’equilibrio tra l’offerta di risparmio da parte dei consumatori e la domanda di risparmio da parte degli investitori. Se per esempio i consumatori decidessero di risparmiare di più, interverrebbe un abbassamento del tasso d’interesse e questo farebbe sì che gli investitori ricorressero maggiormente ai prestiti, ristabilendo l’equilibrio.
Ma nel momento in cui la creazione di moneta aumenta, abbassando i tassi d’interesse, si può ritenere che ci sia più risparmio di quanto in realtà esista, per cui gli investitori faranno ancor più ricorso ai prestiti per poter investire di più. In tal modo i fattori di produzioni si spostano dalla produzione di beni di consumo verso la produzione di beni d’investimento.
Questo non corrisponde a un buon equilibrio tra consumo e risparmio.
Una tale distorsione non può durare a lungo: i produttori di beni di produzione subiscono un crollo delle vendite e arriva la crisi.
In che modo la fiscalità e la politica monetaria creano incertezze? Consideriamo che la crisi economica si trova al confine tra una politica fiscale che distrugge gli incentivi al risparmio e una politica monetaria che pretende di fornire un sostituto al risparmio che non fa altro che introdurre delle distorsioni rispetto a una situazione dove l’equilibrio dovrebbe nascere dalla libera costituzione di domanda e offerta. L’interventismo di stato è aumentato negli ultimi decenni, esponendo il capitalismo ad attacchi vigorosi: per l’opinione pubblica è stato facile credere che la crisi del 2008 fosse una manifestazione del carattere fondamentalmente instabile del capitalismo se non della sua immoralità. Questa visione non è corretta perché in realtà l’interventismo di stato e l’indebolimento del capitalismo hanno impedito ai mercati di svolgere il ruolo regolatore loro proprio, per cui le stesse cause che hanno provocato la grande crisi degli anni trenta si sono ripresentate.
La causa della crisi risiede nelle politiche di espansione monetaria praticate negli Stati Uniti, agli inizi degli anni duemila. L’abbondanza di liquidità ha spinto a finanziare con interessi troppo bassi troppi progetti a rischio. La politica interventista del governo degli Stati Uniti ha obbligato spesso le banche ad accordare prestiti a soggetti poco solvibili anche con il pretesto di dover evitare discriminazioni (come se il compito delle banche non fosse proprio quello di discriminare tra le domande di finanziamento!).
Proprio nella crisi recente, come nelle precedenti, dobbiamo constatare una conseguenza dell’indebolimento del capitalismo, a causa della penalizzazione dell’accumulazione del capitale attuata dalla politica fiscale e monetaria di vari paesi.
Anche i sistemi contributivi pensionistici o i sistemi di assistenza sanitaria pubblica non incitano al risparmio poiché il compito di coprire tutti i rischi è delegato allo stato. Ecco perché la maggior parte dei paesi sviluppati è caratterizzata da una debolezza del risparmio, in particolare da un’insufficienza di fondi propri, che lo stato cerca di compensare attraverso una sorta di politica monetaria illusoria.
Ne consegue che le politiche adottate nei vari paesi con il pretesto di uscire dalla crisi sono state completamente inadeguate e hanno aumentato le difficoltà. Abbiamo attuato delle cosiddette politiche di rilancio che portano a sprecare risorse scarse e che impediscono le ristrutturazioni attuate in modo naturale dal mercato e abbiamo aumentato le normative nuocendo al buon funzionamento dei mercati. Il coordinamento internazionale di queste politiche può soltanto aggravare il problema, poiché gli errori non perdono la loro natura se sono adottati da tanti paesi.


Warning: INSERT command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'watchdog' query: INSERT INTO watchdog (uid, type, message, variables, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '%message in %file on line %line.', 'a:4:{s:6:\"%error\";s:12:\"user warning\";s:8:\"%message\";s:236:\"UPDATE command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'node_counter'\nquery: UPDATE node_counter SET daycount = daycount + 1, totalcount = totalcount + 1, timestamp = 1660024092 WHERE nid = 2188\";s:5:\"%file\";s:69:\"D:\\inetpub\\webs\\lacittaonlinecom\\modules\\statistics\\statistics.module\";s:5:\"%line\";i:53;}', 3, '', 'http://www.lacittaonline.com/index.php?q=node/2188', '', '3.229.117.123', 1660024092) in D:\inetpub\webs\lacittaonlinecom\includes\database.mysqli.inc on line 134

Warning: INSERT command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'watchdog' query: INSERT INTO watchdog (uid, type, message, variables, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '%message in %file on line %line.', 'a:4:{s:6:\"%error\";s:12:\"user warning\";s:8:\"%message\";s:380:\"INSERT command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'accesslog'\nquery: INSERT INTO accesslog (title, path, url, hostname, uid, sid, timer, timestamp) values('L’IMPRESA, IL RISPARMIO E LA FISCALITÀ', 'node/2188', '', '3.229.117.123', 0, 'tp1fktebejdtsaj8kjinev1bd2', 570, 1660024092)\";s:5:\"%file\";s:69:\"D:\\inetpub\\webs\\lacittaonlinecom\\modules\\statistics\\statistics.module\";s:5:\"%line\";i:63;} in D:\inetpub\webs\lacittaonlinecom\includes\database.mysqli.inc on line 134

Warning: INSERT command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'watchdog' query: INSERT INTO watchdog (uid, type, message, variables, severity, link, location, referer, hostname, timestamp) VALUES (0, 'php', '%message in %file on line %line.', 'a:4:{s:6:\"%error\";s:12:\"user warning\";s:8:\"%message\";s:1301:\"UPDATE command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'sessions'\nquery: UPDATE sessions SET uid = 0, cache = 0, hostname = '3.229.117.123', session = 'messages|a:1:{s:5:\\"error\\";a:2:{i:0;s:335:\\"user warning: UPDATE command denied to user 'Sql277177'@'31.11.32.128' for table 'node_counter'\\nquery: UPDATE node_counter SET daycount = daycount + 1, totalcount = totalcount + 1, timestamp = 1660024092 in D:\inetpub\webs\lacittaonlinecom\includes\database.mysqli.inc on line 134