Chi conta di più? Quanto conta quel che facciamo? I conti tornano? L’idea comune di conto lo considera strumento per misurare o risparmiare il fare, per giustificarlo, per finalizzarlo.
Nella formulazione “In fin dei conti” spetterebbe al conto sancire la fine per decidere il valore delle cose, del fare, del viaggio. Questo conto presunto obiettivo è conto sul tempo, conta sulla fine del tempo, per poterlo misurare e dunque risparmiare.
Ma il risparmio di tempo non paga: il processo di valorizzazione esige l’investimento, non il risparmio. Il conto non è fondante: del conto importa la redazione sintattica e frastica, mentre nel pragma esso si scrive come racconto, indispensabile per il profitto. Il racconto è pragmatico, instaura il tempo del nostro viaggio imprenditoriale e intellettuale. E il conto non si risolve nel tornac...

Lei insegna Storia delle idee all’Università di Göteborg e ha pubblicato diversi libri che analizzano gli effetti delle idee nella nostra società, come Death in Beirut (2007). Da dove viene il suo particolare interesse per il Libano? Sono svedese-libanese: mio padre è libanese. Death in Beirut è un saggio in cui ho provato a ripercorrere sia la mia storia sia il modo in cui il paese è lentamente sprofondato in una devastante guerra civile. La mia ambizione era quella di delineare le differenti forze in gioco durante quel periodo in Libano.
A quale periodo si riferisce? Mi sono concentrato sulla guerra civile, quindi soprattutto sul periodo che va dal 1958 al 2005, anno in cui il primo ministro Rafic Hariri venne ucciso. Il mio approccio si avvale di differenti prospettive, per cogliere il modo in cui i...

Di ritorno dall’ultima edizione di Interclean (Amsterdam, 15-18 maggio 2018), una delle maggiori fiere internazionali per l’industria della pulizia, con una grande affluenza di attori provenienti da tutto il mondo, che cosa può dirci della vostra esperienza espositiva? Un’esperienza molto interessante, che ha portato al nostro stand – allestito nel settore vapore e idropulitrici – un grande afflusso di persone provenienti da molti paesi europei ed extraeuropei come l’America, la Cina, la Corea, il Sudafrica, l’Australia, la Tunisia e l’Algeria.
Quali sono le novità che avete esposto in fiera? In occasione di questo appuntamento, abbiamo rivisitato tutte le nostre macchine professionali, dando loro una nuova immagine e un nuovo stile, rendendole più simili fra loro, in modo da ottenere un family line ...

Il titolo di questo numero del giornale è Il tempo pragmatico, ovvero il tempo del fare e dell’innovazione. In un’epoca in cui i mercati e le tecnologie sono in continua trasformazione, in che modo la proprietà intellettuale assume un’importanza strategica come investimento a medio e lungo termine? Se consideriamo per esempio il settore agroalimentare, il nostro paese e la nostra regione vantano realtà industriali di primissimo livello ed eccellenza, con un mercato internazionale consolidato, spesso ancora di proprietà delle famiglie che le hanno fondate. Realtà che hanno investito e continuano a investire sui propri marchi per distinguersi dalla concorrenza e tutelare al...

Nata a Modena nel novembre 2013 come start-up innovativa, Energy Way sta per diventare il riferimento italiano della gestione dei dati, il data-management.
Molti giovani talenti – che avevano preso vie di fuga all’estero o che avevano avuto offerte allettanti da Google e altri colossi dell’IT – lavorano con voi: sono già trentatré nell’arco di cinque anni e, nonostante la loro età (dai 23 ai 36 anni), hanno la chance di divenire precursori in una materia che sta nascendo e interlocutori di amministratori delegati di grandi industrie per sviluppare progetti di intervento in direzione della qualità, a partire dall’analisi dei dati riferiti a vari tipi di processo. Può fare qualche esempio? I nostri algoritmi di intelligenza artificiale forniscono ad aziende del distretto ceramico il controllo di performance di impianti e specifici programmi di manutenzione predittiva...

Nella sua intervista pubblicata sul numero 77 del nostro giornale, lei ricordava ciò che sant’Agostino dice del tempo: “Se mi chiedete che cosa sia il tempo, non lo so, se non me lo chiedete, lo so”. Chiaramente, non si riferiva al tempo nel senso comune del termine – ovvero, come qualcosa che passa e scorre e che, quindi, possa essere...

“Oggi festeggiamo e vogliamo ringraziare tutti: collaboratori, clienti, fornitori, amici ed estimatori che ci hanno sostenuto, spronato e che ci trovano ancora fortemente determinati nel continuare il nostro cammino affrontando nuove sfide per raggiungere ambiziosi traguardi”.
Con queste parole lei ha tagliato il nastro della celebrazione del quarantennale di Sefa Holding Group...

Quest’anno ad Amsterdam, nell’ambito di Interclean, una delle più importanti fiere internazionali per l’industria del pulito, Arco Chemical Group ha avuto i riflettori puntati non solo perché ha festeggiato i suoi primi venticinque anni, ma anche perché ha portato innovazioni straordinarie come la Clean App, la prima guida digitale del pulito, scaricabile gratuitamente dagli store Apple,...

In questo numero discutiamo del tempo pragmatico, il tempo del fare, che non è il tempo ideale, ma quello in cui ciascuno fa secondo l’occorrenza. Qual è oggi il nuovo ritmo di produzione che scandisce il tempo di un’impresa come la vostra, che progetta, costruisce e testa al suo interno, come in una moderna bottega rinascimentale, gli stampi a iniezione per particolari termoplastici e...

Il titolo di questo numero del giornale è Il tempo pragmatico, il tempo della novità, dell’invenzione, delle cose che si fanno in modo differente e vario, anziché conformandosi a standard estranei alla vita dell’impresa. Che cosa può dirci a questo proposito, a partire dalla sua esperienza d’imprenditore e presidente di TEC Eurolab? Uno degli aforismi di Albert Einstein recita: “Tutti sanno che una cosa è impossibile da...

Brunetti Utensileria fornisce molte delle più importanti industrie metalmeccaniche in Emilia Romagna, nelle Marche, in Toscana e in Umbria da quasi un secolo.
Nel dibattito che apriamo in questo numero, intorno al tempo pragmatico, constatiamo come il tempo sia costituito dal fare e dall’occorrenza che interviene facendo, ovvero senza nulla di automatico e senza rappresentazioni del...