Donne e impresa

  • Nel 1988, quando ha aperto il poliambulatorio Fisio Line, lei aveva già alle spalle una vasta esperienza come biologa nutrizionista avviata nel 1973…

  • Il crowdfunding evidenzia alcuni aspetti interessanti del fare impresa mettendo in gioco il processo industriale di un prodotto. Nel percorso tradizionale, un’azienda che ha creato un nuovo prototipo o innovato un servizio si organizza finanziariamente e programma le varie fasi: avvia la produzione e poi si presenta al mercato, dove comincia a vendere. Con il crowdfunding l’impresa si rivolge al mercato prima di intraprendere la produzione industriale e, attraverso specifiche piattaforme web, chiede al proprio pubblico un preacquisto. La scommessa è chiara: se il prodotto interessa, la

  • Il 16 dicembre scorso, nelle storiche sale della vostra gioielleria, avete organizzato il vernissage dedicato ad alcune fedeli clienti, in occasione della presentazione delle collezioni d’arte orafa e gioielliera firmate Annamaria Cammilli...
    Le nostre ospiti hanno avuto l’opportunità di ammirare e di indossare i preziosi manufatti dell’azienda fiorentina. Annamaria Cammilli, infatti, prima di essere designer di gioielli, è anche un’artista, pittrice e scultrice, che dal 1983 disegna e produce gioielli. La tradizione della famiglia Cammilli, giunta oggi alla quinta generazione

  • Quando ammiriamo in passerella i meravigliosi abiti di Armani, Versace, Trussardi, Guess e altre grandi case di moda di tutto il mondo, quando seguiamo le pieghe dei loro drappeggi, che riportano alla nostra memoria le magnifiche opere dei maestri della pittura e della scultura, dobbiamo sapere che, oltre ai disegni degli stilisti, c’è l’interpretazione di Crea Si, un lavoro che consente alle case di moda di portare alle sfilate e nelle boutique capi di estrema eleganza e bellezza, realizzati con la mano intellettuale di donne che hanno fatto della sartoria artigianale la loro vita. In

  • Dagli orti sui tetti degli edifici pubblici di Bologna al condominio foresta “25verde” di Torino, sono tanti gli indici del valore aggiunto attribuito sempre più al verde come fattore indispensabile per la qualità della vita. Ma progettare e realizzare spazi verdi non è facile, se pensiamo che esistono migliaia di varietà di piante e ciascuna esige una cura specifica, condizioni climatiche adeguate e un ambiente favorevole alla sua crescita. In che modo il Garden Vivai Morselli può dare un apporto alla cultura del florovivaismo?

  • Nel vostro Centro di servizi per attività mediche e per la riabilitazione, dedicate grande attenzione alle nuove tecnologie. Quali sono gli strumenti che consigliate per una riabilitazione che sia efficace anche dopo il periodo estivo?

  • I clienti, i fornitori, gli stilisti, i consulenti, i giornalisti o le innumerevoli persone che chiamano Crea Si hanno subito l’impressione di trovare una risposta alle loro richieste: all’altro capo del telefono sentono la voce di una “cantante”, che fa parte di un’orchestra, ma è eccellente anche come solista e non aspetta gli ordini del maestro per intonare le note della melodia che in quel momento occorre eseguire. La voce è spesso la sua, quella della memoria storica di Crea Si, che da oltre vent’anni realizza capi prototipi per le più importanti case di moda del mondo. Come ha

  • Oltre all’eccellenza nella realizzazione di modelli – che ci fa ammirare in passerella meravigliosi prototipi per Armani, Versace, Trussardi, Guess e altre grandi case di moda di tutto il mondo – Crea Si vanta un impegno costante nella formazione e nel coinvolgimento delle persone che lavorano nell’azienda e che non si limitano a svolgere il compito per il quale sono state assunte, ma s’interessano all’esperienza nella sua globalità. In che modo questo si avverte nel suo lavoro di responsabile dell’amministrazione?

  • La cosmesi naturale che offre Alchimia Natura, oltre a garantire il nutrimento quotidiano della nostra pelle, può essere d’aiuto nella prevenzione e nella cura di patologie dermatologiche?

  • Lei è l’unica donna dei sette componenti della famiglia Raimondi al timone della R.C.M., la prima fabbrica italiana di motoscope e lavasciuga per la pulizia industriale e urbana, con un mercato consolidato in Spagna, Germania, Inghilterra, Grecia, Nord Europa, Stati Uniti, Cile, Brasile, Messico, India, Singapore, Malesia, Russia, Giappone, Nord Africa e altri paesi del mondo. Quando ha incominciato a lavorare in azienda?
    Nel 1986, dopo avere conseguito il diploma in lingue, sono entrata nell’ufficio acquisti, perché occorreva sostituire una dipendente che era andata in